L'anno pazzo dell'industria mondiale del tessuto non tessuto

A causa dell'impatto della nuova epidemia di corona nel 2020, la maggior parte delle industrie ha subito un periodo di interruzione e varie attività economiche si sono temporaneamente fermate. In questa situazione, l'industria del tessuto non tessuto è più attiva che mai. Poiché la domanda di prodotti comesalviettine disinfettantie le maschere hanno raggiunto livelli senza precedenti quest'anno, le notizie sull'impennata della domanda di materiali di substrato (materiali soffiati a fusione) sono diventate mainstream e molte persone hanno sentito una nuova parola per la prima volta: niente stoffa filata, la gente ha iniziato a pagare di più attenzione all'importante ruolo dei materiali non tessuti nella protezione della salute pubblica. Il 2020 potrebbe essere un anno perduto per altri settori, ma questa situazione non si applica all'industria del tessuto non tessuto.

1.In risposta al Covid-19, le aziende aumentano la produzione o espandono il proprio ambito di attività a nuovi mercati

È passato più di un anno da quando i casi di Covid-19 sono stati segnalati per la prima volta. Con la graduale diffusione del virus dall'Asia all'Europa e infine al Nord e Sud America nei primi mesi del 2020, molte industrie stanno affrontando la sospensione o la chiusura. L'industria del tessuto non tessuto ha iniziato a svilupparsi rapidamente. Molti mercati per i servizi non tessuti (medicina, sanità, igiene, salviettine, ecc.) Sono stati dichiarati attività essenziali per molto tempo e vi è una domanda senza precedenti di attrezzature mediche come indumenti protettivi, maschere e respiratori. Significa anche che molte aziende del settore devono effettivamente aumentare la produzione o espandere le loro attività esistenti in nuovi mercati. Secondo Jacob Holm, produttore di tessuti spunlace Sontara, poiché la domanda di dispositivi di protezione individuale (DPI) è aumentata a maggio, la produzione di questo materiale è aumentata del 65%. Jacob Holm ha aumentato in modo significativo la produzione eliminando i difetti in alcune linee esistenti e altri miglioramenti, e presto ha annunciato che sarà stabilito un nuovo stabilimento di espansione globale, che sarà messo in funzione all'inizio del prossimo anno. DuPont (DuPont) fornisce da molti anni non tessuti Tyvek al mercato medicale. Poiché il coronavirus guida la domanda di materiali medici, DuPont trasferirà i materiali utilizzati nel mercato delle costruzioni e altre applicazioni al mercato medico. Allo stesso tempo, ha annunciato che sarà in Virginia. Lo stato ha aumentato la capacità di produzione per produrre rapidamente più prodotti di protezione medica. Oltre all'industria del tessuto non tessuto, anche altre aziende che non sono state tradizionalmente coinvolte nei mercati medico e PPR hanno intrapreso azioni rapide per soddisfare la crescente domanda causata dal nuovo virus della corona. Il produttore di prodotti per l'edilizia e speciali Johns Manville utilizzerà anche materiali meltblown prodotti nel Michigan per maschere facciali e applicazioni di maschere e non tessuti spunbond per applicazioni mediche nella Carolina del Sud.

2.I produttori di tessuto non tessuto leader del settore per aumentare la capacità di produzione di meltblown quest'anno

Nel 2020, si prevede di aggiungere quasi 40 nuove linee di produzione meltblown nel solo Nord America e 100 nuove linee di produzione potrebbero essere aggiunte a livello globale. All'inizio dell'epidemia, il fornitore di macchinari meltblown Reifenhauser ha annunciato che avrebbe potuto ridurre i tempi di consegna della linea meltblown a 3,5 mesi, fornendo così una soluzione rapida e affidabile alla carenza globale di maschere. Berry Group è sempre stata in prima linea nell'espansione della capacità di fusione. Quando è stata scoperta la minaccia del nuovo virus della corona, Berry aveva effettivamente preso misure per aumentare la capacità di meltblown. Attualmente Berry ha sviluppato nuove linee di produzione in Brasile, Stati Uniti, Cina, Regno Unito ed Europa. , E alla fine gestirà nove linee di produzione meltblown in tutto il mondo. Come Berry, quest'anno la maggior parte dei principali produttori mondiali di tessuto non tessuto ha aumentato la propria capacità di produzione di meltblown. Lydall sta aggiungendo due linee di produzione a Rochester, New Hampshire, e una linea di produzione in Francia. Fitesa sta installando nuove linee di produzione meltblown in Italia, Germania e South Carolina; Sandler sta investendo in Germania; Mogul ha aggiunto due linee di produzione meltblown in Turchia; Freudenberg ha aggiunto una linea di produzione in Germania. Allo stesso tempo, alcune aziende nuove nel campo dei non tessuti hanno anche investito in nuove linee di produzione. Queste aziende vanno da grandi fornitori multinazionali di materie prime a piccole start-up indipendenti, ma il loro obiettivo comune è aiutare a soddisfare la domanda globale di materiali per maschere.

3.I produttori di prodotti per l'igiene assorbenti ampliano il loro ambito di attività per mascherare la produzione

Al fine di garantire una capacità di produzione di tessuto non tessuto sufficiente per soddisfare la domanda del mercato delle maschere, le aziende in vari mercati di consumo hanno iniziato ad aumentare la produzione di maschere. A causa delle somiglianze tra la produzione di maschere e prodotti per l'igiene assorbente, i produttori di pannolini e prodotti per l'igiene femminile sono in prima linea in queste maschere di conversione. Nell'aprile di quest'anno, P&G ha annunciato che avrebbe cambiato capacità di produzione e iniziato a produrre maschere in quasi dieci basi di produzione in tutto il mondo. David Taylor, CEO di Procter & Gamble, ha affermato che la produzione di maschere è iniziata in Cina e si sta espandendo in Nord America, Europa, Asia Pacifico, Medio Oriente e Africa. Oltre a Procter & Gamble, la svedese Essity ha annunciato l'intenzione di produrre maschere per il mercato svedese. L'esperto di salute sudamericano CMPC ha annunciato che sarà in grado di produrre 18,5 milioni di maschere al mese nel prossimo futuro. CMPC ha aggiunto cinque linee di produzione di maschere in quattro paesi (Cile, Brasile, Perù e Messico). In ogni paese / regione, le maschere saranno fornite gratuitamente ai servizi sanitari pubblici. A settembre, Ontex ha lanciato una linea di produzione con una capacità di produzione annuale di circa 80 milioni di maschere presso lo stabilimento di Eeklo in Belgio. Da agosto, la linea di produzione ha prodotto 100.000 maschere al giorno.

4.Il volume di produzione di salviettine umidificate è aumentato e soddisfare la domanda del mercato di salviettine umidificate deve ancora affrontare delle sfide

Quest'anno, con l'aumento della domanda di salviettine disinfettanti e la continua introduzione di nuove applicazioni di salviette nell'industria, nell'assistenza personale e domiciliare, gli investimenti in questo settore sono stati notevoli. Nel 2020, due dei principali processori di tessuto non tessuto al mondo, Rockline Industries e Nice-Pak, hanno entrambi annunciato che amplieranno in modo significativo le loro attività in Nord America. Ad agosto, Rockline ha dichiarato che avrebbe costruito una nuova linea di produzione di salviettine disinfettanti dal costo di 20 milioni di dollari in Wisconsin. Secondo i rapporti, questo investimento quasi raddoppierà la capacità produttiva dell'azienda. La nuova linea di produzione, denominata XC-105 Galaxy, diventerà una delle più grandi linee di produzione di disinfezione con salviettine umidificate nel settore delle salviettine umidificate a marchio privato. Dovrebbe essere completato a metà del 2021. Allo stesso modo, il produttore di salviettine umidificate Nice-Pak ha annunciato un piano per raddoppiare la capacità di produzione di salviettine disinfettanti nel suo stabilimento di Jonesboro. Nice-Pak ha modificato il piano di produzione della fabbrica in un piano di produzione 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana, espandendo così la produzione. Anche se molte aziende hanno notevolmente aumentato la capacità di produzione di salviettine umidificate, devono ancora affrontare sfide nel soddisfare la domanda del mercato di salviettine disinfettanti. A novembre, Clorox ha annunciato un aumento della produzione e della cooperazione con fornitori di terze parti. Sebbene quasi un milione di confezioni di salviettine Clorox vengano spedite ai negozi ogni giorno, non è ancora in grado di soddisfare la domanda.

5. L'integrazione nella catena di approvvigionamento del settore sanitario è diventata una chiara tendenza

Negli ultimi anni è proseguita l'integrazione nella catena di fornitura del settore sanitario. Questa tendenza è iniziata quando Berry Plastics ha acquisito Avintiv e ha unito non tessuti e film, che sono i due componenti di base dei prodotti sanitari. Quando Berry ha acquisito Clopay, un produttore di tecnologia per pellicole traspiranti nel 2018, ha persino ampliato la sua applicazione nel campo dei film. Quest'anno, un altro produttore di tessuto non tessuto Fitesa ha anche ampliato la sua attività cinematografica attraverso l'acquisizione delle attività di Personal Care Films di Tredegar Corporation, inclusa una base di produzione a Terre Haute, Indiana, Kerkrade, Paesi Bassi, Rétság, Ungheria, Diadema, Brasile e Pune, India. L'acquisizione rafforza il business dei film, dei materiali elastici e dei laminati di Fitesa.


Tempo post: Apr-08-2021